dalla pagina facebook del "Cantiere Civico"

Si avvicinano le elezioni del Consiglio provinciale e diventa sempre più forte e nitido l’eco di voci interessate, accompagnate da mea culpa e grandi promesse. Con analisi alquanto sconnesse e superficiali Il dato più evidente è che Tricase non avrà un consigliere provinciale. Anzi, neanche proverà ad averlo perché non c’è nessun candidato.
Le grandi manovre e le grandi amicizie che solo due anni fa individuarono nel sindaco De Donno, la figura centrale di un compromesso tra Pd, Leu, Popolari e parti di centro destra, si sono dissolte, lasciando spazio a chiusure e azioni di ostacolo reciproco.
In questo quadro desolante, la titubanza del sindaco nel suo cercar casa politica ha solo generato isolamento e ulteriori frammentazioni. Sono emerse la sua mancanza di autorevolezza politica e le contraddizioni interne alla maggioranza, che non sono riuscite a proporre una candidatura condivisa.
Il 24 di questo mese cambierà il consiglio provinciale. Per il fatto che votino solo i Sindaci e i Consiglieri Comunali dei vari paesi, si corre il rischio che l’appuntamento sia sentito solo dagli addetti ai lavori e che si riduca alla costruzione di filiere di consenso con cui alcuni potentati, dentro e fuori i partiti, provano a ribadire il proprio potere.
Noi vogliamo restare fedeli alla bella politica e a quell'idea di governo del territorio in grado di coniugare economia, ecologia e coesione sociale solidale, che portiamo avanti dalla nascita di Cantiere Civico.
Tra le cinque liste messe in campo, abbiamo voluto scegliere quella che poteva rappresentare meglio la nostra visione: Salento, Bene Comune 2050.
Nonostante le tante contraddizioni, questa lista di centro-sinistra raggruppa culture politiche, passioni e sentimenti che in tanti paesi della provincia hanno voluto mettere al primo posto i valori della cittadinanza attiva, anziché le nomenclature di partiti scarni di idee e sempre più autoreferenziali.
Vogliamo ribadire, altresì, che il criterio di vicinanza territoriale nella scelta dei consiglieri, che per bocca di qualcuno è divenuto quasi un “vincolo di sangue e suolo”, non può appartenerci.
Non voteremo un consigliere solo per la prossimità territoriale al nostro paese, senza valutare la qualità e la coerenza della sua militanza politica, la sua affidabilità, chi e cosa può rappresentare o ha già rappresentato per il nostro territorio.
La nostra non è una scelta banale. È la dimostrazione che, nonostante alcuni esponenti politici dei partiti oggi in campo, ieri ci urlassero contro, noi abbiamo la forza e la maturità di non agire per ripicca scegliendo di votare qualche altra lista che non ci rappresenta o non andando a votare.
Nelle scelte importanti, bisogna prendere posizione e agire in modo trasparente e per il bene comune. Ed è quello che noi faremo.

Martedì, 18 gennaio 2022

Nonostante il numero dei contagi da Coronavirus sia ancora alto (l’ultimo dato fonte Asl Lecce segnava lo scorso venerdì 14 gennaio 454 positivi a Tricase),  qualche primo piccolo segnale di miglioramento nelle ultime ore comincia a vedersi.

Infatti con il vaccino che sta dando i risultati attesi (i medici consigliano di completare la vaccinazione che rappresenta la migliore strategia di contrasto al virus Covid 19 e garantisce il miglior livello di protezione dalla malattia), e le ultime restrizioni, pian piano il numero dei contagi sta subendo una lenta diminuzione.

Dati che dovrebbero essere confermati in maniera più dettagliata nei prossimi giorni con il bollettino Covid sulle variazioni settimanali osservate negli ultimi 7 giorni a Tricase (dal 14 al 21 gennaio).

MASCHERINE FFP2 E PIÙ TAMPONI: LA REGIONE VIENE INCONTRO ALLE RICHIESTE DEGLI STUDENTI.

Più tamponi e mascherine per gli istituti scolastici. La Regione Puglia metterà a disposizione delle scuole, dove necessario, altre mascherine Ffp2 e tamponi.

Mascherine -L'assessore Leo ha annunciato che, in seguito all'analisi effettuata dall'Usr Puglia su tempi di distribuzione e fabbisogno dei dispositivi di protezione per gli studenti, integrerà, se ritenuto necessario, con l'acquisto di nuove mascherine Ffp2 da mettere a disposizione di studenti e studentesse.

Tamponi- La Regione Puglia ha anche messo a disposizione risorse regionali per consentire agli studenti di essere sottoposti a tampone, su richiesta del medico di base o del pediatra.

Pino GRECO – Nuovo Quotidiano di Puglia

Lunedì, 17 gennaio 2022

Martedì prossimo è previsto l’inizio dei lavori dell’attesa rotatoria che sorgerà sulla Strada Statale 275 all’altezza dell’incrocio tra Tricase, Specchia e Lucugnano”. Parola dell’assessore comunale Rocco Piceci 

Tricase- Fumata bianca da Palazzo Gallone: “ Martedì prossimo è previsto l’inizio dei lavori dell’attesa rotatoria che sorgerà sulla Strada Statale 275 all’altezza dell’incrocio tra Tricase, Specchia e Lucugnano”.

Parola dell’assessore comunale Rocco Piceci con delega anche alla Mobilità urbana sostenibile.

Partono i lavori che tutti aspettavano da lunghi decenni sulla statale Maglie-Leuca che ricade nel territorio della frazione (Lucugnano) di Tricase.

Finalmente sarà possibile realizzare un intervento fondamentale per la viabilità e la sicurezza, il più atteso dai cittadini di Lucugnano in particolar modo.

L’opera metterà in sicurezza il pericoloso incrocio sulla Strada Statale 275 scenario di diversi incidenti anche mortali.

Il costo dell’intervento è di euro 124 mila, somma finanziata nel 2019 dall’amministrazione guidata dall’allora sindaco Carlo Chiuri.

Anche l’attuale primo cittadino di Tricase, Antonio De Donno, lo scorso mese di ottobre, dopo l’ennesima e vibrante protesta, in particolar modo dei cittadini di Lucugnano su quello che  è stato ribattezzato come incrocio maledetto , ha chiarito: “Siamo all’atto finale, a breve la cantierizzazione dell’opera“.

La rotatoria consentirà di rallentare il traffico da e verso la Statale 275 sia con la strada di collegamento al centro abitato di Lucugnano, che con i comuni di Specchia e Tricase. Cittadini, residenti, e associazioni avevano segnalato per lunghi anni e più volte la necessità di intervenire in maniera definitiva sul così detto incrocio della morte.

Un incrocio pericolosissimo soprattutto di sera e in condizioni di scarsa visibilità, quando attraversare quel breve tratto di intersezione diventa sempre rischioso.

Ne è prova l’ultimo grave scontro di giovedì 13 gennaio intorno alle ore 21 tra una Fiat Punto e una Fiat Multipla.

In questo caso, complice anche un semaforo non funzionante da diverso tempo , le due auto una che proveniva da Tricase ,l’altra da Montesano sono entrate in collisione. Per fortuna nell’impatto non ci sono stati feriti gravi anche grazie all’apertura dall’airbag di uno dei due automobilisti coinvolti .

Insomma, non resta che attendere la realizzazione della rotatoria, che, rappresenterà la  “soluzione” agli innumerevoli disagi  e pericoli causati da quello che, si  spera, non sarà più l’incrocio della morte.